Per essere ammesso il candidato deve conoscere la lingua italiana

e fornire la documentazione dei precedenti studi.

Le iscrizioni si effettuano presso la segreteria generale:

· dal 15 settembre al 15 ottobre per il primo semestre

· e dal 15 gennaio al 15 febbraio per il secondo semestre.

 

AI CICLI ISTITUZIONALI

1. Recarsi dal Decano per ottenere il relativo Documento d'ammissione alla Facoltà. Presentare al Decano i documenti elencati sotto.

2. Ritirare in Segreteria Generale i moduli necessari per l'immatricolazione ed il conto corrente postale per il versamento della tassa accademica.

3. Tutti gli studenti non italiani devono dimostrare la conoscenza della lingua italiana al livello B1 del sistema europeo di certificazione linguistica. Occorre quindi presentare un certificato di un corso con l'esame finale sostenuto oppure sostenere l'esame di prova linguistica dell'UPS che si terrà alla fine del mese di settembre 2011.

Documenti richiesti per l'ammissione:

1. Originale del titolo di studio base - Diploma di Maturità - (gli studenti stranieri devono presentare il titolo tradotto in lingua italiana, autenticato e legalizzato dall'Autorità diplomatica o consolare italiana residente nel paese di origine, con la dichiarazione della validità del Titolo per l'ammissione all'Università).

2. Fotocopia del passaporto o della carta d'identità, che comunque deve essere esibito in originale).

3. Permesso di soggiorno in Italia, per motivi di studio (per gli studenti dai paesi non appartenenti all'Unione Europea). Per coloro che non lo possiedono ancora è necessario avere sul passaporto un "VISTO D'INGRESSO IN ITALIA DI TIPO D (per motivi di studio)".

4. Titolo di studio specifico con certificato dei voti del curricolo se richiesto dal Grado Accademico a cui si intende iscriversi (p.e. il Baccalaureato per chi vuole iscriversi alla Licenza).

5. Due fotografie formato tessera, su fondo chiaro (Sul retro scrivere in stampatello cognome e nome).

6. Lettera di presentazione rilasciata dall'Ordinario o dal suo Delegato per gli Ecclesiastici, Religiosi ed i Seminaristi, in cui si dichiari che lo studente è idoneo, per la condotta morale, ad essere iscritto. Per i Laici tale lettera dovrà essere rilasciata da una persona ecclesiastica.

7. Certificato annuale di extracollegialità, rilasciato dal Vicariato di Roma, per i sacerdoti diocesani dimoranti in Roma, fuori dei convitti e collegi loro destinati.

 

AL DOTTORATO

Preambolo

Le aree di ricerca che la FLCC/PIAL intende promuovere attraverso le tesi di dottorato sono, coerentemente alla sua identità e alla sua finalità, le seguenti: a) la Latinitas Christiana secondo le indicazioni della Veterum Sapientia; b) la letteratura latina dell’epoca medievale e moderna; c) la didattica delle lingue classiche. Altri argomenti di ricerca potranno essere accettati in via del tutto eccezionale.

1. Condizioni di ammissione al Ciclo di dottorato

Per essere ammessi al ciclo di dottorato nella Facoltà di Lettere Cristiane e Classiche si richiede:

a. Il conseguimento della Licenza presso la FLCC/PIAL o titolo equipollente (es. Laurea magistrale presso Università italiane o Master of Arts presso Università anglosassoni). Nel caso di candidati provenienti da Facoltà diverse dalla FLCC/PIAL, occorre conseguire, comunque, anche la licenza presso la FLCC/PIAL.

b. I candidati, provenienti da altre Università, per conseguire il titolo di Licenza presso la FLCC/PIAL, dovranno frequentare almeno un semestre, integrare la propria formazione nelle aree specifiche del curriculum della FLCC, ed elaborare una tesi di licenza, secondo le norme vigenti per i licenziandi.

c. Per i candidati provenienti da istituzioni diverse dalla FLCC/PIAL, un buon livello di conoscenza della lingua latina, verificato attraverso le modalità indicate, di volta in volta, dal Preside-Decano o dal suo Delegato.

d. Per gli studenti che provengono da altre università la consegna della tesi e una presentazione argomentata da parte di uno dei professori relatori, o del Decano della Facoltà di provenienza, favorevole al proseguimento degli studi.

e. La conoscenza funzionale di tre lingue moderne francese, inglese, tedesco. La conoscenza dell’italiano è un prerequisito.

f. Una votazione finale non inferiore a 27/30 (o votazione analoga).

g. Un colloquio di ammissione che verifichi, oltre a quanto sopra indicato, lo stato di preparazione dal punto di vista della metodologia del lavoro scientifico e della ricerca, le attitudini e le motivazioni del candidato, e le sue possibilità di studio (anche di tipo economico) e di frequenza, congruenti con le esigenze del ciclo.

2. Procedimento di ammissione al Ciclo di dottorato

Per iscriversi al Dottorato nella FLCC gli studenti dovranno seguire la seguente procedura:

a. Colloquio con il Preside-Decano o suo Delegato per verificare le condizioni di ammissione.

b. Colloquio con il Professore incaricato dell’elaborazione dei piani di studio e del programma del ciclo di dottorato.

c. L’ammissione definitiva dello studente spetta al Consiglio della FLCC, che indica anche il possibile moderatore, dopo previa intesa con il docente, il secondo e il terzo relatore (cf. 5c). Il moderatore è scelto tra i docenti ordinari/straordinari/stabilizzati.

d. La FLCC/PIAL annualmente accetta non oltre cinque progetti di ricerca ad doctoratum.

3. Durata del Ciclo di dottorato

a. La durata del ciclo di dottorato è di tre anni (sei semestri).

b. Si richiede la permanenza del candidato nell’università almeno per un semestre per frequentare le attività del programma del ciclo di dottorato.

c. Se gli studenti di cui si parla al punto 1b frequentano due semestri, a giudizio del Consiglio della FLCC/PIAL, potranno essere ammessi direttamente al ciclo di dottorato con l’obbligo, comunque, di integrare i debiti formativi e consegnare un elaborato scritto.

4. Programma del Ciclo di dottorato

a. I dottorandi sono tenuti a frequentare e a sostenere l’esame di due corsi monografici che abilitino alla ricerca, istituiti annualmente dalla FLCC/PIAL.

b. Ai dottorandi, inoltre, si richiede di arricchire il percorso formativo con la partecipazione ad almeno due convegni inerenti la propria area di ricerca. La documentazione che attesta la partecipazione va consegnata presso la Segreteria della FLCC/PIAL.

c. Prima dell’esame di dottorato lo studente terrà almeno una lectio coram, relativa alla propria ricerca, alla presenza del moderatore della tesi e di un altro docente, nominato dal Preside-Decano.

d. I dottorandi, inoltre, faranno esperienza pratica di docenza, sotto la guida del Moderatore o di altro docente incaricato dal Preside-Decano.

5. Procedura per l’approvazione del progetto di ricerca

a. Il dottorando prepara entro il primo anno di frequenza il progetto di ricerca e lo consegna al moderatore e al secondo relatore per una prima valutazione; dopo averne ricevute le osservazioni, potrà consegnarlo ufficialmente in Segreteria generale utilizzando la modulistica appropriata.

b. Il progetto di ricerca comprende: il titolo e lo schema della tesi, scritti in latino; la presentazione dell’argomento, di cui viene evidenziata la novità e la precisazione dello scopo e del metodo (scritti in latino o in italiano); la bibliografia completa (autore, titolo, città, eventuale collana, casa editrice, anno) accuratamente scelta e divisa in fontes, studia, instrumenta;

c. L’approvazione del progetto avviene nella riunione del Consiglio di Facoltà il quale conferma il moderatore e nomina il secondo e il terzo relatore (cf. 2c).

d. Potranno essere accettati argomenti già trattati dal candidato in altri lavori scientifici purché si evinca una sostanziale estensione ed un reale approfondimento del tema.

6. Progresso e conclusione dell’elaborazione della tesi

a. Di norma, il dottorando dovrebbe finire e consegnare la tesi durante il terzo anno. Se così non fosse, al termine di ogni successivo anno accademico lo studente è tenuto a indicare sulla base di un modulo lo stato di avanzamento della ricerca, consegnandolo alla segreteria della FLCC/PIAL. Tale informazione è inviata al Preside-Decano e ai relatori. Il Consiglio della FLCC/PIAL si riserva il diritto di bloccare il progetto se, dopo tre anni, le condizioni per la sua esecuzione fossero venute meno.

b. L’elaborato finale dovrà essere scritto in latino. Il Consiglio della FLCC/PIAL può autorizzare l’uso di un’altra lingua generalmente ammessa nella comunità scientifica (francese, inglese, italiano, spagnolo, tedesco), purché introduzione e conclusione siano conservati in lingua latina.

c. L’elaborato dovrà contenere non meno di 150 pagine, escluse introduzione, conclusione e bibliografia.

d. Le norme metodologiche sono quelle ordinariamente in uso presso la FLCC/PIAL.

7. Valutazione previa della tesi

a. Completata la stesura della dissertazione, lo studente consegna una copia del testo al moderatore e ai relatori; questi elaborano e consegnano al Preside-Decano un giudizio scritto circa la sua adeguatezza ai fini della consegna alla Segreteria generale, indicando eventualmente correzioni, integrazioni o revisioni.

b. Il testo definitivo, oltre all’approvazione del Moderatore, dovrà includere una dichiarazione antiplagio.

c. La difesa della tesi avviene alla presenza del Moderatore della tesi, degli altri due relatori, che compongono la commissione presieduta dal Rettore Magnifico o da suo Delegato. Si richiede inoltre la presenza del Preside-Decano, se non già presente in commissione, e si raccomanda la partecipazione dei professori ordinari, straordinari e stabilizzati.

d. Almeno una porzione della difesa della tesi si svolge in lingua latina.

 

Avvisi

  • Call for papers: μέσαι δὲ νύκτες «la notte è al suo mezzo»
    05 Novembre 2018

    Il Progetto Odeon – Associazione culturale per lo studio e la divulgazione della cultura classica – organizza per il mese di Maggio 2019 presso l'Università degli Studi di Torino il suo quarto convegno interuniversitario, intitolato μέσαι δὲ νύκτες «la notte è al suo mezzo» : Notti d’amore, guerra e follia da Omero alla letteratura medievale, riservato agli studenti iscritti ai corsi di laurea magistrale (o, eccezionalmente, laureandi) o di dottorato in discipline umanistiche, storiche, antropologiche e filosofiche. Per maggiori informazioni, vi preghiamo di aprire gli allegati: 

    In lingua italiana

    In lingua inglese

  • Call for papers: History of visual culture
    18 Settembre 2018

    Seeing and looking through words: towards a history of the visual culture of early and late ancient Christianity
    Deadline for paper proposal abstracts, 500-1000 words in length: 30 April 2019
    Conference dates: from 10 to 12 October 2019
    Venue: Department of Historical Studies, University of Turin - Italy

    For further information, please refer to attachment

  • Lingua Latina perennis
    15 Febbraio 2018
    Lectores humanissimi, inspicite, quaeso, hos nexos interretiales! Sunt duae symbolae linqua Anglica conscriptae, quae de lingua Latina semper viva numquam oblivioni data disserunt. Global Latinists et Living Language.
  • Annales MMXVI-MMXVII
    10 Novembre 2017
    Il nuovo libretto di Annales dell'anno accademico 2016-2017 è reperibile qui. Ringraziamo di cuore sig.ra Constance Cheung per il progetto grafico e impaginazione. Curiose legito!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari ad offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze. Per saperne di più, consulta la nostra cookie policy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Galleria fotografica

collage header 5